Banche – Finanziarie – Anatocismo

Banche-Finanziarie-Anatocismo - Noi Consumatori Lombardia - Como

Buone notizie e ancora speranze per i Consumatori...; il tentativo del Ministro Tremonti di favorire le banche attraverso la norma contenuta nel Decreto MilleProroghe in base alla quale "In ordine alle operazioni bancarie regolate in conto corrente, l'art. 2935 del c.c. si interpreta nel senso che la prescrizione relativa ai diritti nascenti dall'annotazione in conto inizia a decorrere dal giorno dell'annotazione stessa. In ogni caso non si fa luogo alla restituzione di importi già  versati alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto legge" (art. 2 comma 61 del testo del decreto legge 29.12.2010 n. 225 coordinato con le modifiche apportate con la legge di conversione 26.02.2011 n. 10), si è rivelato tentativo maldestro.

Infatti anche le Autorità  Giudiziarie hanno avuto dubbi sulla costituzionalità  della norma tanto che il Tribunale di Benevento ha già  rimesso alla Corte Costituzionale l'articolo contenuto nel Decreto MilleProroghe. La predetta norma è apparsa in contrasto con i principi costituzionali di cui agli artt. 3 (principio di uguaglianza e ragionevolezza), 24 e 102 ( diritto di difesa e tutela davanti agli organi giudiziari ordinari), 41 (principio di libertà  di iniziativa economica e privata che non può svolgersi in contrasto con l'utilità  sociale), art. 47 (tutela del risparmio) Cost. I consumatori devono sapere che i correntisti non devono desistere dall'intraprendere cause contro le banche che hanno applicato interessi anatocistici. Rilevante è anche che sono state emesse delle pronunce giudiziarie che hanno condannato le banche (si vedano all'uopo le pronunce del Tribunale di Taranto del 3.3.2011 e Tribunale di Palmi del 4.3.2011).

Banche - Finanziarie - Anatocismo
Noi Consumatori Lombardia - Como


Per maggiori informazioni o per ricevere assistenza chiama, senza impegno, al n. 031 570419 o al n. 366 1890434
oppure invia una email a questo indirizzo: elisa-barone@libero.it